Seleziona una pagina

Le prime società che partecipano al polo sono l’azienda pugliese Torrevento e la veneta Collalbrigo;  altre aziende si uniranno nei prossimi mesi

23 Ottobre 2019

Il fondo di private equity Made in Italy Fund, promosso da Quadrivio & Pambianco, investe nel settore vinicolo attraverso PROSIT S.p.A, società fondata da Sergio Dagnino, manager di grande rilievo, con pluriennale esperienza direttiva in Gruppi leader italiani. Obiettivo di PROSIT è la creazione di un polo di cantine italiane di fascia Premium e super Premium, al fine di dar vita ad un portafoglio di vini rappresentativi di eccellenze vinicole italiane: marchi complementari e sinergici da esportare in tutto il mondo.

Walter Ricciotti, Managing Partner di Made in Italy Fund, commenta: “Made in Italy Fund ha l’obiettivo di investire in PMI con grande potenziale di crescita e attive nei settori caratterizzanti del Made in Italy: moda, design, beauty e food. Il comparto vitivinicolo in Italia è oggi al 1^ posto nell’agroalimentare italiano per  fatturato estero e rappresenta  il 10% del fatturato totale: tale settore è oggi il vero ambasciatore del Made in Italy nel mondo.  Le imprese che ne fanno parte si trovano a giocare la propria partita in un contesto di forti cambiamenti e di incredibili prospettive future: il nostro obiettivo è quello di dare loro le risorse per sostenere un importante percorso di sviluppo, per condividere le strategie economico-commerciali, il tutto rivolto ad uno sviluppo prevalentemente internazionale.

L’Italia gioca un ruolo da protagonista nel settore vinicolo mondiale essendo al primo posto tra i Paesi produttori, seguita da Francia e Spagna. Tuttavia la dimensione media delle cantine unitamente alle difficoltà in cui oggi opera l’impresa italiana non sempre consente loro di dotarsi di un’adeguata organizzazione commerciale né di investire per lo  sviluppo dei  propri marchi. PROSIT mira alla costituzione di un Gruppo che genererà  oltre 100 milioni di euro di fatturato nell’arco di 3-4 anni, attraverso la partecipazione in cantine italiane a gestione familiare , già spinte verso i mercati internazionali ma  motivate a sviluppare il loro pieno potenziale.

Fondatore di PROSIT è Sergio Dagnino, manager di grande esperienza nel settore. Affiancato da una squadra manageriale con contatti commerciali già consolidati e di primario standing, Dagnino è tuttora impegnato per il perfezionamento di ulteriori partnership con imprenditori che entreranno a breve  a far parte del progetto PROSIT.

Sergio Dagnino, Amministratore Delegato di PROSIT ha dichiarato: “Il nostro obiettivo è valorizzare marchi di aziende familiari, con elevato potenziale, affiancando l’imprenditore ed apportando all’interno delle aziende partner le necessarie risorse manageriali e finanziarie. Alcuni importanti gruppi privati e grandi aziende cooperative, a cui va il merito di aver costruito la leadership italiana nel mondo, riescono ad affrontare la competizione internazionale grazie alle dimensioni raggiunte. PROSIT mira a creare un Gruppo di aziende selezionate fra quelle con elevato posizionamento e che sia in grado di affrontare la competizione internazionale grazie a precisi piani di sviluppo e di investimento sul mercato: il tutto finalizzato ad ampliare la distribuzione nel mondo.

Fra i promotori di PROSIT, vi è Torrevento, azienda vinicola pugliese di fascia premium con circa  15 milioni di fatturato (di cui  l’80% è quota export) che  è la prima società con cui parte il gruppo.

Francesco Liantonio, Presidente di Torrevento, nonché componente del CDA in Prosit, ha dichiarato:

Per affrontare mercati sempre più complessi, esigenti e competitivi, in continua evoluzione, occorre avere obiettivi ben precisi, strategie mirate e risorse importanti da destinare agli investimenti commerciali. Occorre che le aziende rappresentative del vino italiano facciano “sistema”, creando sinergia e capacità di sviluppo.       Dar vita ad una partnership con PROSIT per noi è una importante opportunità di crescita e di consolidamento del ns brand nel mondo. Torrevento è portavoce di valori importanti su cui si fonda l’intera filiera produttiva, dalla vigna alla cantina, una visione portata avanti con passione e con un approccio produttivo etico-sostenibile, al fine della valorizzazione del territorio e delle denominazioni che lo rappresentano. Questo percorso contribuirà allo sviluppo del brand e alla ulteriore promozione dei vini di Puglia, regione oggi in prima fila nel panorama mondiale del vino italiano e con grandi potenzialità e prospettive da esprimere.

Collalbrigo Grandi Vini, storica azienda del Prosecco collocata nel cuore del comprensorio della DOCG di Conegliano-Valdobbiadene, recentemente inserito dall’UNESCO tra i siti patrimonio dell’Umanità, è la seconda società che entra nel gruppo. Azienda vocata all’export soprattutto negli USA e Regno Unito si fregia di una clientela di ristorazione di alto livello tra cui spicca il Gruppo Cipriani di cui da molti anni è fornitore ufficiale del Prosecco. Con la partecipazione di PROSIT, prevede una ulteriore spinta commerciale verso nuovi mercati e una crescita anche su nuove linee di business.

Francesco Cosulich, proprietario di Collalbrigo Grandi Vini, ha dichiarato: “In un mercato in forte evoluzione come quello del vino gli elementi di discontinuità strategica sono fondamentali per lo sviluppo e la crescita. Abbiamo accolto con entusiasmo la proposta di PROSIT perché vediamo tali elementi e condividiamo una visione di lungo termine finalizzata alla   valorizzazione delle eccellenze del territorio, che possa creare valore sia per le Aziende del Gruppo sia per gli investitori PROSIT”.